BINARI ITALIANI

La Ferrovia in Italia

Tutto iniziò il 3 ottobre del 1839 quando la Vesuvio, una locomotiva di tipo Patentee quindi una locomotiva a vapore di rodiggio 111 (oOo) costruita in Inghilterra capace di sviluppare una forza pari a 65CV e fino a 60km/h, trasportò l'allora Re Ferdinando II nel primo viaggio inaugurale ferroviario per ben 7,5km da Napoli a Portici. La linea è a doppio binario con uno scartamento di 1 435mm usato ancora oggi. Già nel 1840 furono costruite le Officine di Pietrarsa per la costruzione e manutenzione dei veicoli ferroviari. La seconda linea d'Italia non tardò ad arrivare e sempre nel 1840 arriva nel Nord Italia la Milano-Monza, nel 1842 la Padova-Mestre, nel 1844 la Livorno-Pisa e solo nel 1848 la Torino-Moncalieri, una tratta di 8km. La prima importante linea d'Italia fu però la Torino-Genova inaugurata nel 1853 avente un'importante galleria scavata a 3255 metri sotto il valico dei Giovi. Un anno più avanti venne fondata la Giovanni Ansaldo di Sanpierdarena per volontà di Covour. Sempre grazie allo statista Cavour, va ricordato il traforo del Frèjus lungo ben 12 819 metri, inaugurato il 17 settembre 1871. Alla nascita del Regno d'Italia (1861), nello stato Pontificio risultavano ben 101km di linee ferroviarie, 305km nel Granducato di Toscana e 187km nel Regno delle Due Sicile. La Piacenza-Bologna e la Bologna-Rimini-Ancona (ora facenti parte della linea "Adriatica") furono aperte solo dopo l'ingresso dell'Emilia Romagna e Marche al Regno di Sardegna. Grazie all'unificazione vi furono investimenti di grosso spessore per portare a termine importanti direttrici nazionali come la Roma-Firenze e creare linee che collegassero il nord Italia con il sud Italia come la Tirrenica e la Dorsale. Nacquero anche altre imprese ferroviaria di alto livello ad affiancare la Ansaldo di Genova, la Breda e le Officine Meccaniche (OM) a Milano. Viste le molteplici aziende ferroviarie private, il passaggio all'esercizio di Stato fu deciso nel 1905 dal Parlamento dopo molti contrasti e polemiche. Fu definito "esercizio di Stato con criteri privatistici". Con questa decisione, fu avviata un'attività di potenziamento delle infrastrutture e dei veicoli ferroviari. Questo nuovo assetto delle ferrovie, fu messo a duro gioco nella prima guerra mondiale, ove in circa tre anni, si stima furono trasportate 15 milioni di persone e 20 milioni di tonnellate di merci (anche bellici) con una media che arrivava anche a 270 treni al giorno. Nell'epoca del fascismo, arrivano importanti investimenti per l'ammodernamento di tutta la rete ferroviaria e la costruzione di nuove macchine su rotaia. In questi anni infatti arrivano due importantissime linee dette "direttissime": Roma-Napoli (1927) e Bologna-Firenze (1934), linee ancora oggi usate e di enorme importanza per il collegamento nord-sud del Paese. Con lo sviluppo dell'elettrificazione arrivano i primi treni a nuova concezione ad alta velocità, primo tra questi l'ETR200 ove ETR sta per Elettrotreno Rapido, ossia la distribuzione su quasi ogni carrello del treno la forza dei motori. Da allora vennero costruite importanti macchine che hanno fatto la storia della ferrovia italiana come le Automotrici Leggere elettriche (ALe) 883 ed ALe 840 ed a nafta (Aln) 772. Nei primi anni sessanta, vengono presentate le Automotrici Elettriche rivoluzionarie sia dal punto di vista tecnico di velocità sia per il comfort del viaggiatore, si parla quindi delle ALe601 da cui derivano altre due per il servizio passeggeri regionale ossia le ALe 801 (in uso fino al 2015) ed ALe 803, mentre invece per il traffico nazionale nacquero le E 444 soprannominate ironicamente "Tartaruga" per la loro velocità record che raggiungevano i 200km/h alimentate sia ad 1,5Kv e 3,0Kv CC. Negli anni settanta vedono la luce le E 656 soprannominate "Caimano" usate sia per il trasporto locale che nazionale ed infine le ALe 724, ALe 582 ed ALe 642 destinate esclusivamente al trasporto metropolitano. Nel 1985 Fiat Ferroviaria produce il primo treno al mondo in grado di rivoluzionare il modo di viaggiare ossia il "Pendolino": l'ETR450. Esso è il primo elettrotreno ad assetto variabile attivo ossia che inclina la cassa verso l'interno della curva in modo da compensare l'accelerazione centrifuga (forza che spinge un corpo verso l'esterno di una curva, tanto è più stretta la curva e maggiore è la velocità, tanto maggiore sarà la forza centrifuga che agisce sul corpo) attraverso dei giroscopi che sfruttano il fatto che tutte le ferrovie in Italia siano sopraelevate, calcola l'intensità della curva e della velocità per azionare poi gradualmente nelle curve dei pistoni che inclinano la cassa, passando così all'avvertimento della curva dal 25% rispetto agli altri veicoli al 5%, in modo tale che il passeggero abbia la sensazione di andare dritto, un invenzione che ha veramente cambiato gli standard della ferrovia e la dimostrazione di una forte e viva ingegneristica made in Italy. Nel 1994 si abbandonano le vecchie livree, da ricordare quelle Rosso Fegato e Grigio Ardesia per la nascita della livrea XMPR. Nel 1997 nasce Eurostar Italia, categoria che indicava i servizi di punta delle Ferrovie dello Stato che erano quelli ad Alta Velocità effettuati dagli ETR450, ETR460, ETR 480 ed E414/ETR500. Il 7 giugno del 2000 fu costituita Trenitalia S.p.a. per il trasporto merci e passeggeri ed il 9 aprile 2001 Rete Ferroviaria Italiana S.p.a. (RFI) per il controllo dell'infrastruttura ferroviaria.


KM di LINEE FERROVIARIE in ESERCIZIO 

16 711 km le quali si dividono in linee: fondamentali, complementari e di nodo

Linee Fondamentali: 6 469km

Linee Complementari: 9 360km

Linee di Nodo: 952km

KM di LINEE FERROVIARIE COMPLESSIVE
Linee Convenzionali: 23 035km

Linee AV: 1 467km

IMPIANTI FERROVIARI

Stazioni attive: 2 200 
Scali merci: 194
Impianti di traghettamento: 3
*al 2019


CATEGORIE di SERVIZIO per i TRENI ITALIANI

EXP - Espresso
EUC
-
European Unit Cargo
MRI
-
Merci Rapido Internazionale
MRS
-
Merci Rapido Speciale
MRV
-
Merci Rapido Vuoto
NCL
-
Non Classificato
MT
-
Merci Terminale
STM
-
Straordinario Trasp. Militari
TC
-
Treno Combinato
TCS
-
Treno Combinato Speciale
TEC
-
Treno Europeo Combinato
TES
-
Treno Eccedente Sagoma
TRA
-
Tradotte
TME
-
Treno Merci Espresso
LIS
-
Locomotiva Isolata
CP
-
Corsa Prova
INV
-
Invio
MI
-
Merci Interzona
TS
-
Treno Storico
REG
-
Regionale | RV - Regionale Veloce
EN
-
EuroNight
EC
-
EuroCity
IC
-
InterCity
ICN
-
InterCityNotte

ES* - Eurostar  | ESCI* - Eurostar City

FR/FA/FB - Frecciarossa/Frecciaregento/Frecciabianca


LIVREE dal 1995 ad OGGI

XMPR                                   1995 - oggi   (locomotive e carrozze)

XMPR Notte                         1995 - 2015   (carrozze)

XMPR Cuccette                   1995 - oggi   (carrozze)

Artesia Notte                       1995 - 2006  (carrozze)

TrenOK                                 2004 - 2009  (ETR 450)

Leonardo Express 1             2005 - 2010  (E 464 + UIC X)

VivAlto                                  2006-2019    (carrozze)

T-Biz                                      2006 - 2008  (ETR 460/463/480)

Brand AV                              2006 - 2010  (tutti gli ETR, escluso ETR 450)

ESCI*                                     2006 - 2011  (E 444r, UIC Z, GC)

E464.464                              2009 - oggi  (E 464.464)

Frecciarossa                     2010 - oggi  (E 404, ETR 400)

Frecciargento 1                     2010 - 2014  (ETR 485, ETR 600)

Leonardo Express 2             2010 - oggi  (E 464 + UIC X, ME, ETR 425)

FR 150°                                  2011              (E 404)

Dia.Man.Te.                           2012 - oggi  (ETR 500 Y2)

Frecciargento 2                    2012 - oggi (ETR 485, ETR 600/610, ETR 700)

Frecciabianca                       2012 - oggi  (ETR 460, 463, 470, E 402b, E 414, UIC Z, GC)

DPR                                       2014 - oggi  (E 464, MD, TAF, ETR 425, VivAlto...)

IC GIORNO                           2017 - oggi  (E 401, E 402b, E 403, E 414, E464, UIC Z, GC)

IC NOTTE                              2017 - oggi  (carrozze)

MIR                                        2017 - oggi  (E 652, E 193, E 483)

*Livree pubblicitarie escluse


Qualunque mezzo ferroviario, che si tratti di una carrozza, di una locomotiva o di un carro, è genericamente identificato da una serie di 12 cifre secondo gli standard dell'UE e della UIC. Queste codifiche, sono nominate dall'Unione Europea come NEV ossia Numero Europeo Veicolo.



Classificazione Locomotive a Vapore

Disposizione degli Assi       Classificazione

Oo                                                         011

oO                                                         110

oOo                                                       111

ooOO                                                    220

ooOOo                                                  221

ooOOoo                                                222

OOO                                                      030

oOOO                                                    130

oOOOo                                                  131

oOOOoo                                                132

ooOOO                                                  230

ooOOOo                                                231

ooOOOoo                                              232


Classificazione Locomotive Elettriche e Diesel

In Italia le locomotive sono distinte da numeri di tre cifre, preceduti dalla lettera E per le locomotive elettriche e dalla lettera D per le locomotive diesel, ad essi segue un secondo gruppo di tre cifre ad indicare l'immatricolazione ([...] 001 etc.). Nella trazione trifase la prima cifra indicava gli assi motori, la seconda per il fine al trasporto viaggiatori (3) o merci (5), la terza invece a partire da zero, il numero progressivo di progettazione. Nelle locomotive a corrente continua, la prima cifra indica sempre il numero degli assi motori, la seconda (a partire da 2) il numero di progettazione rispetto ai gruppi analoghi, la terza infine il numero dei motori. Questa classificazione è soggetta a numerose eccezioni ma è ancora presente, per le locomotive diesel non vi sono informazioni ufficiali utili per la classificazione.